lunedì 30 marzo 2009

Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio
o freccia di garofani che propagano il fuoco:
t'amo come si amano certe cose oscure,
segretamente, tra l'ombra e l'anima.
T'amo come la pianta che non fiorisce e reca
dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori;
grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
il concentrato aroma che ascese dalla terra.
T'amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t'amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti
che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno
pablo neruda

martedì 24 marzo 2009

Primo giorno

Primo giorno del mio nuovissimo stage.
Diciamo che per ora procede tutto bene, è il primo giorno e non sto facendo cose molto eccitanti, per ora sto visionando i lavori degli altri ragazzi del corso di Ascoli Piceno, sono bravi. Mi sto facendo una cultura sulle imbarcazioni a vela, il che è positivo visto che all' uni ho sempre fatto barche a motore. Mi trovi bene, la mia tutor aziendale sembra simpatica e l' Architetto è il gigante buono!!
La mia barca è appensa salpata...

domenica 15 marzo 2009

Ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!

Un giovane ragazzo entra in una farmacia e dice al farmacista: Buon giorno, mi dia un preservativo. La mia ragazza mi ha invitato a cena stasera e credo che si aspetta qualcosa da me. Il farmacista gli da il preservativo e quando sta per uscire il ragazzo si gira e dice: Me ne dia un altro, perché la sorella della mia ragazza che è molto carina anche lei incrocia sempre le gambe in maniera provocante quando mi vede e credo che si aspetta qualcosa da me. Il farmacista gli da un secondo preservativo e quando sta per uscire il ragazzo si gira e dice: Me ne dia ancora un altro perché la madre della mia fidanzata non è niente male e quando mi vede, fa sempre delle allusioni...... Siccome mi invita a cena, credo si aspetta qualcosa da me. Alla cena, il ragazzo è seduto con la ragazza alla sua sinistra, la sorella a destra e la madre di fronte. Quando arriva il padre., il ragazzo abbassa la testa e comincia a pregare: Signore, benedica questa cena, grazie per quello che ci dai ...... bla bla bla ........ Dopo un minuto il ragazzo sta ancora pregando: Grazie signore per la tua bontà...... blablabla. Passano ancora dieci minuti e il ragazzo sta sempre pregando con la testa abbassata. Si guardano tutti molto sorpresi e la fidanzata è ancora più sorpresa degli altri. Si avvicina al ragazzo e gli dice nell'orecchio: non sapevo che fossi così credente. E lui risponde: non sapevo che tuo padre fosse farmacista....

27 ore e un pò

Ore 19.55 di questa domenica di relax, quasi da vecchietta.
Da un oretta ho lasciato il mio ragazzo dopo 27 ore e un po passati insieme, le più belle 27 ore e un pò. Ci sono delle persone con le quali staremmo sempre e lui è una di queste, non so spiegarvi il perchè ma è così. Solo con le mie amiche riesco a stare così tanto, ma loro le conosco da una vita. Non sono mai stata così, così serena, tranquilla, alle volte demente come se avessi 5 anni e non quasi 20 in più, con la voglia di condividere ogni cosa, forse è proprio vero che basta poco per essere felice, che basta trovare quella metà perfetta che ci completa e che ci rende migliori, che non serve fare cose eclatanti per stare bene, che basta anche solo un frappè preso al bar per stare in pace. Che sia questo l' Amore?...io credo di sì.

mercoledì 11 marzo 2009

Vado dove volevo andare

In questi giorni di totale frenesia tra colloqui per lo stage, fad da ultimare, carrelli da finire e analisi strutturali da risolvere, il blog è un pò lasciato a se stesso. Ma oggi eccolo l' input per scrivere qualcosa. Vado dove volevo andare. Tra i vari colloqui l' ho trovato il mio posto, quello dove sono certa di imparare qualcosa di nuovo e dove sò di poter lavorare bene. Sarà solo uno stage per ora ma non è detto che nn mi assumano. Stamattina ho fatto il secondo di colloquio perchè nel primo avevo parlato poco, lo avevo fatto in coppia con una mia amica,e io che non amo parlare sopra alla gente me ne sono stata un pò in disparte. Ma stamattina credo di averla dimostrata la mia motivazione e anche la mia bravura, che va molto oltre il voto di laurea, mi ha chiesto se gli lasciavo il mio book di tesi e glielo ho lasciato, poi me lo riprenderò. Vi dò delle notizie veloci sullo studio. Allora si chiama Duck design e fondamentalmente si occupa di interni di barche e si trova al centro di Roma, per essere precisi sopra a Piazza di Spagna e l' Architetto è molto bravo, sembra un pò il mio relatore di tesi.
Il 25 marzo mi imbarcherò su una nuova barca, non sò bene dove mi porterà ma so sicuramente che sarà un bel viaggio.

martedì 10 marzo 2009

domenica 1 marzo 2009

Eccomi!!!

Pensavate di esservi liberati di me...e invece!!! In questo ultimo periodo il blog è un pò fermo, ma tra i colloqui, il lavoro e il master il tempo è veramente poco. Nonostante ciò però sono un pò stanca ma contenta. Venerdì colloquio a Sabuadia, in un Cantiere navale, anzi nel cantiere navale per eccelenza, quello che tiene in mano la nautica di mezza Italia, Cantieri Rizzardi. Il colloquio era alle 11, ma siccome c'è stato un piccolo problema tecnico, ho dovuto aspettare fino alle 13:30.
Purtroppo niente stage, non hanno le postazioni, ma già il solo fatto di avergli potuto lasciare il mio cv e il mio book, è stata una grande conquista. Adesso nella settimana che sta arrivando ne ho già tre, due a Roma e uno ad Ariccia. In più adesso per domani devo consegnare una relazione tecnica di analsi strutturale di una sospensione....ovvero una cosa assolutamente inutile, e sono proprio indietro.
E' uno sporco lavoro....ma qualcuno lo deve pur fare!